Posts tagged ‘aur’

Downvolting, anche sul kernel pacchettizzato -ARCH

Nel post precedente ho detto che per il downvolting occorreva ricompilare il kernel con la patch phc.

A dire il vero ho scoperto ora per caso che esiste in aur il pacchetto del solo modulo acpi-cpufreq per il kernel -ARCH, già patchato.

Quindi anche chi usa il kernel -ARCH può rimpiazzare quel modulo installando il pacchetto da aur e avvalersi del downvolting.

W aur!

Link: http://aur.archlinux.org/packages.php?ID=18310

Firefox 3.1

Sto utilizzando l’ultima nightly build di Firefox 3.1 presa da aur.

Nell’immagine si nota il nuovo tab switcher, che mostra una miniatura della pagina caricata in ciascun tab (ctrl-tab).

Il nuovo motore javascript va abilitato da about:config (impostare a true la chiave jit.content). A occhio nudo si percepisce una leggera differenza durante la navigazione in siti che fanno forte uso di javascript. Non ho fatto test rigorosi per misurare l’effettivo aumento di velocità.

aurup 0.7

Stanotte mi è venuta la pazza idea di fixare (finalmente :D) aurup.

In AUR trovate ora aurup 0.7, ovvero “aurup funzionante con aur 1.5.0″

Ovviamente riportate eventuali bug, non sono rimasto troppo tempo a testarlo (ho caricato un paio di pacchetti e sembra funzionare).

Wicd: gestire le interfacce di rete

Wcid è un network manager (particolarmente utile nel caso di una scheda wifi): si compone di un demone (che si occupa direttamente di impostare le schede di rete, e va avviato con privilegi di root al boot) e di una gui per configurare le reti (per fare questo sono sufficienti permessi da utente normale).

Installazione

Il pacchetto è in AUR, nell’installarlo ricordatevi che wpa_supplicant e dhclient sono richiesti come dipendenze, ma per una dimenticanza del packager non figurano nel PKGBUILD (ho già segnalato la cosa).

Uso

Impostate l’rc.conf in modo da avere solo il loopback come interfaccia (lo), le interfacce fisiche lasciamo che sia wicd a gestirle.
Aggiungete all’rc.conf il demone wicd.
Per il momento fate partire il demone manualmente (avendolo aggiunto all’rc.conf dal prossimo avvio verrà caricato da solo):

/etc/rc.d/wicd start           (da root)

e poi come utente normale fate partire la gui:

/opt/wicd/gui.py

Vi si presenterà un elenco delle reti wifi rilevate (oltre alla possibilità di configurare la rete cablata). L’interfaccia è estremamente semplice e intuitiva, non credo serva spiegare nulla, mi limito a un bello screenshot:

wicd

kernel26pierlo

Ho messo su un patchset per il kernel, nulla di incredibile. Si basa sul patchset kamikaze, al quale però ho tolto alcune patch (ad esempio quella per avere lo stack a 4k invece che a 8k, perchè poco compatibile con ndiswrapper, ipw3945 e gspca1 perchè tanto abbiamo il pacchetto con il modulo a parte).

Alle patch di kamikaze ho aggiunto poi qualche piccola patch da ragnarok e le patch presenti in kernel26 (kernel ufficiale archlinux).

Questo è quanto, per il momento. Il tutto è disponibile in aur (kernel+moduli) e nel mio repo personale.

Da notare che ancora non è pronto il supporto a x86_64 (basta preparare il config, ma non ho macchine su cui testarlo), e che il logo è ancora quello del kernel viper, il logo con il tag aggiornato l’ho preparato e verrà shippato con la terza release.

Graditissimi i commenti.

Google Desktop su Archlinux

A quanto pare il buon vecchio cagnulein è stato battuto sul tempo, visto che su AUR si trova già il PKGBUILD per Google Desktop.

Premesso che non ho mai usato ne tracker ne beagle, ho voluto lo stesso provare Google Desktop.

L’applicazione, se si esclude l’icona nella tray e la finestra di ricerca richiamabile con CTRL-CTRL, non presenta una propria interfaccia grafica: la configurazione e la consultazione dei risultati avvengono tramite browser web.

Per il momento sto apprezzando la velocità di ricerca e l’integrazione con il servizio di posta Gmail. La velocità di indicizzazione non sembra invece essere così brillante, visto che durante le mie prove il tempo stimato per effettuare la prima scansione supera le 5 ore.