Posts tagged ‘ubuntu’

Give Ubuntu a chance

Qualche settimana fa l’ho combinata grossa. Era dal 2004 che un mio computer non vedeva una distro al di fuori di Archlinux.

Ho voluto mettere da parte ogni pregiudizio e accogliere a braccia aperte la beta 2 di Ubuntu 11.04 Natty.
Ho deciso di prendere la via più drastica: backup con fsarchiver della partizione di root di Archlinux del mio eeepc, formattazione e installazione di Ubuntu su tale partizione.

Cosa mi è piaciuto
E’ la prima volta che ho seriamente preso in considerazione l’ipotesi di rendere Ubuntu il mio sistema principale. Sin dal primo avvio ho avuto delle belle sensazioni: tutto era a posto, completamente funzionante, per non parlare dell’aspetto generale dell’ambiente grafico. Curato e appagante.
Il colpo di grazia, da questo punto di vista è stato il momento in cui ho collegato il mio iPhone all’eeepc: in pochi secondi potevo sfogliarne il contenuto ed anche accedere ai documenti di ciascuna app.
Tutto questo senza nemmeno aver mai aperto il terminale!

Cosa non mi è piaciuto
Ho preferito gnome2 a unity, ma questi son gusti personali; non ho apprezzato inoltre la maggiore pesantezza di Ubuntu rispetto ad Archlinux (considerato il netbook che sto usando).
Inutile negarlo, dopo 7 anni di utilizzo esclusivo di Archlinux, con Ubuntu installato non mi sentivo più il padrone della mia macchina.
Troppe le differenze sia tecniche che filosofiche (qualcuno ha detto apt vs pacman?). Non posso nemmeno dire che sia colpa di Ubuntu, ma Archlinux continua a rappresentare meglio il mio ideale di distribuzione, pur con i suoi “difetti” (a volte non si ha il tempo necessario per sistemare qualcosa che non funziona).

Morale della favola
Ubuntu 11.04 Natty è durata poco meno di due settimane sul mio eepc. Mi sento di fare i complimenti a Canonical e a chi sviluppa Ubuntu con così tanta passione: è una distribuzione che mi sentirei di consigliare ad occhi chiusi e che probabilmente risponde perfettamente alle esigenze medie.

Per finire, ho concluso quel viaggio spirituale con il mio rito preferito: una net-install fresca fresca di Archlinux. E un sospiro di sollievo: sono ancora il buon arciere di una volta :)

firefox 3 e utilizzo dell’hard disk

Di recente (a partire da un paio di beta a questa parte), firefox 3 mi si piantava spesso mandando la cpu al 100% e “ingolfando” il disco fisso.

Cercando un po’ in giro ho trovato un thread sul forum di ubuntu (hanno messo una beta di firefox in hardy! :O ). Il problema sembra sia risolvibile disattivando le due voci in Preferences->Security->”Tell me if the site I’m visiting …”

Pare funzionare, per ora.

Load Cycle: risparmio energetico aggressivo può danneggiare gli hard disk?

Si parlava oggi su #archlinux (azzurra) dell’ormai noto “bug” che qualche mese fa aveva fatto notizia: “Ubuntu distrugge l’hard disk

Riassumendo, il problema sta in un’eccessiva usura della meccanica degli hard disk a causa della funzione di parcheggiamento delle testine nei periodi di inattività.

Per conoscere il numero di parcheggiamenti già effettuati, installate smartmontools con pacman e date:

smartctl -a /dev/sda | grep Load_Cycle

L’ultimo numero presente sulla riga rappresenta il numero di parcheggiamenti effettuati.
E’ interessante calcolare anche il numero per ora di utilizzo, dividendo quindi questo valore per il numero delle ore di accensione del disco:

smartctl -a /dev/sda | grep Hours

Se il contatore ha raggiunto già livelli alti (cercando su internet un disco medio sarebbe progettato per qualche centinaio di migliaio di cicli), è possibile impostare al minimo il risparmio energetico:

hdparm -B 254 /dev/sda

O, se non dovesse funzionare, spegnere completamente la gestione dell’APM:

hdparm -B 255 /dev/sda

Per finire, inserire il comando giusto in rc.local per automatizzarne l’esecuzione ad ogni boot.

Lo gnomo che è in me

gnomo

Ultimamente sto riscoprendo lo gnomo, aka Gnome 2.20. In più da qualche giorno sto usando emesene-svn invece di amsn-svn.

Ah, e oggi ho installato networkmanager per rimpiazzare wicd.

Domani? Penso che scaricherò Ubuntu. Anzi attendo il 18 che esce la 7.10

Gtk stile OSX

Leggevo, in un topic del forum di archlinux, di questo hack alle gtk2 che permette di avere le barre dei menu in puro stile OSX (ovvero non più attaccate al bordo superiore della finestra, ma visualizzate in cima al desktop).

Un’immagine vale più di mille parole, quindi:

osx_gtk

Per i fortunati utenti di arch, la mod è scaricabile direttamente da AUR.

–edit

Anche nel forum di Ubuntu se ne sta parlando.